Sicilia. Un’isola di storia, fascino, cultura e sapori.

La Sicilia può essere definita come un’isola tra cielo e mare, grazie alla sua posizione strategica al centro del mar Mediterraneo. Il territorio è unico, con una continua alternanza tra colline, pianure, spiagge da togliere il fiato, mare cristallino e città d’arte uniche al mondo.

Oltre all’isola principale, sono parte del territorio regionale anche gli arcipelaghi delle Eolie, delle Egadi, delle Pelagie e delle isole di Ustica e Pantelleria. Il mare è senza alcun dubbio L’ attrattiva principali dell’isola con i suoi incredibili colori, la trasparenza delle acque e la bellezza dei suoi fondali. Non per niente, possiede 17 spiagge riconosciute con la Bandiera Blu. Una delle caratteristiche principali del territorio è la presenza di due imponenti vulcani, lo Stromboli e l’Etna, il più grande vulcano attivo in Europa. Nell’isola si contano ben 6 siti entrati a far parte del “Patrimonio dell’umanità UNESCO”, tra cui Villa Romana del Casale, la Valle dei Templi e la Necropoli di Pantalica (con più di 5.000 tombe antiche).

Isole Eolie
La città di Palermo è il capoluogo della regione. Un Luogo meraviglioso ricco di palazzi, cupole e rigogliosi spazi verdi: il Parco della Favorita, quello di Villa Giulia e il Giardino di Garibaldi. Cefalù possiede una Cattedrale normanna che domina l’intera cittadina e un territorio unico dove uomo e natura convivono da sempre. Sicilia turismo offre numerose opportunità di vacanza: negli ultimi anni infatti, sono state ristrutturate le tipiche masserie siciliane della fine dell’Ottocento e adibite ad agriturismo.

Cattedrale di Palermo
Terra di acqua e vulcani, la Sicilia offre anche la possibilità di rilassarsi con i numerosi centri termali, uno tra tutti, le terme di Castellammare del Golfo, dove l’acqua sgorga ad una temperatura di circa 44°C. Non mancano ovviamente le occasioni per fare trekking sulle cime siciliane e all’interno nelle numerose riserve naturali, due tra tutte, la riserva naturalistica di Monte Cofano e la riserva dello Zingaro. Due luoghi magici dove il visitatore può immergersi tra la natura selvaggia e incontaminata alla scoperta di paesaggi mozzafiato.

Baia Cornino – Custonaci (TP)
Ovviamente non si può pensare di visitare l’isola senza assaggiare le sue tipicità gastronomiche. La cucina siciliana è famosa per essere la più ricca di specialità, dovute al patrimonio storico ancora palpitante delle eredità greche, arabe e normanne. Tanti sono i prodotti siciliani a marchio DOP e IGT che rendono la Sicilia famosa nel mondo per la genuinità dei suoi prodotti, gli oli extra-vergine di oliva, le arance rosse, i pomodori di Pachino e i fichi d’India sono solo alcuni di questi. Primi piatti tipici sono la pasta con le sarde, il cous cous e le busiate al pesto trapanese, molto apprezzati sono i gattò, soprattutto quello di sarde e carciofi e quello di riso, a base di melanzane, carne trita e zafferano.

Cous Cous di pesce
Fra i secondi, immancabili protagoniste sono la parmigiana di melanzane e la caponata (un insieme di ortaggi fritti, conditi con sugo di pomodoro, in salsa al formaggio, piselli e funghi.

La pasticceria siciliana è conosciuta da tutti per i suoi dolci a base di ricotta, pistacchio e pasta di mandorla. Con la cassata, i cannoli e le lingue di bue con crema pasticcera, verrebbe l’acquolina in bocca a chiunque! Inoltre gelati, granite e sorbetti sono da attribuire all’invasione araba in Sicilia. Alla tradizione gastronomica, si affianca una produzione vinicola di qualità, dal gusto deciso e corposo; il Nero D’Avola, il Cerasuolo di Vittoria DOC, l’Alcamo e il Monreale sono solo alcuni di essi. Antica invece è la tradizione di vini dolci e abboccati come la Malvasia delle Lipari, il Moscato di Pantelleria, lo Zibibbo e il Marsala.

Pasticceria siciliana
Precedente Coronavirus, il castello Utveggio di Palermo si illumina con i colori del tricolore. Successivo Il mito del mandorlo in fiore e l’amore oltre ogni confine.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.