Crea sito

“Tira cumpari chi Cofanu veni”: quando i trapanesi tentarono di rubare la montagna di Cofano

Maestoso, dal profilo inconfondibile è il Monte Cofano, tra il golfo di Bonagia e il Golfo di Macari. E’ di una bellezza che non ha uguali tanto da fare nascere una o più leggende per rendergli omaggio. Famosa quella che vede contrapporsi i trapanesi e i custonacesi. La leggenda racconta che due compari trapanesi, gelosi di tale bellezza, notte tempo, pensarono di legare la montagna a una fune, per trascinarla fino a Trapani. E tira che ti tira che ti tira… l’enorme sforzo provocò la rottura della corda e i due compari rimbalzarono a mare come due molle. Gli abitanti di Custonaci, quando vennero a sapere del tentativo di furto, finito in modo così maldestro, dopo essersi fatta una grande risata liberatoria, rifletterono un po’ e misero a guardia del Monte un loro “custode” di fiducia.

Monte Cofano

I trapanesi, con le pive nel sacco, si ritirarono in buon ordine, come si dice da quelle parti e non ci provarono più. Ma i due compari, un po’ rincalluzziti per la brutta figura che rimediarono e per vendicarsi, inviarono su monte Cofano e sulla stessa Custonaci, tramite un demone, tante saette infuocate pensando di incenerire tutto. Ma, per intervento divino, le saette risparmiarono Cofano e Custonaci e furono deviate. Una però finì sul povero custode che rimase pietrificato. Un’altra colpì la località di Bufara, lasciando un’enorme buca. L’uomo pietrificato, “l’Omo di Cofanu” è ancora lì. Per gli abitanti di Custonaci, rimarrà sempre il custode della Montagna. Da questa leggenda nasce l’espressione “Tira cumpari chi Cofanu veni“, quando si vuole indicare un’impresa impossibile.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: