Crea sito

In Sicilia esiste un suggestivo villaggio costruito all’interno di una grotta preistorica

È un luogo in cui il tempo sembra essersi fermato a raccontare la cultura rurale dell’800* in Sicilia. 

Si tratta di una caverna facente parte delle Grotte di Scurati, a Custonaci, in provincia di Trapani, abitata fin dalla notte dei tempi dai nostri antenati. Alta 70 metri e profonda 50, la grotta Mangiapane fu «scoperta» dai nostri antenati nel Paleolitico superiore, a dimostrazione di ciò sono stati rinvenuti reperti come denti, ossa di animali, selci lavorate e ossidiana, oggi conservati nei musei Pepoli di Trapani, nella Torre di Ligny, nonché a Parigi. 

Nella grotta tutto è rimasto come era un secolo fa, è come se i suoi abitanti siano scomparsi all’improvviso abbandonato i loro effetti personali e gli attrezzi del lavoro quotidiano.
Un museo antropologico a cielo aperto visitabile per tutto l’arco dell’anno, dalle 10 alle 19.
Nella grotta sono state girate le scene di diversi film, alcuni famosi come la serie televisiva «Il commissario Montalbano», a Natale poi diventa il set di un particolarissimo presepe vivente messo in scena da oltre 160 figuranti, tra artigiani, contadini e artisti provenienti da tutta la Sicilia. Un evento realizzato dal oltre 35 anni, così prestigioso da essere ascritto tra i cento beni immateriali della Sicilia.

Questo sito preistorico è stato trasformato in borgo nell’Ottocento e abitato fino agli 50 dalla famiglia Mangiapane, che all’interno della grotta ha costruito delle case, un forno, un mulino, una stalla per gli animali, e una cappella.
A lasciare senza fiato è il panorama che si ammira dalla grotta, il mare, dalle mille sfumature di turchese, Erice in lontananza da un lato e la sagoma unica del monte Cofano dall’altra.

La Grotta Mangiapane – Un tuffo nella Sicilia dell’Ottocento | EsperienzaSicilia.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: